Bava di Lumaca: Conservazione del Cibo Made in Italy

News Bava di Lumaca | 0 comments | by nuvo.cosmetic

La bava di lumaca continua ad offrire spunti interessanti e grazie ad una particolare scoperta di quest’estate rilanciata dai maggiori quotidiani nazionali come Repubblica, questa sostanza probabilmente non verrà utilizzata solo nel campo della cosmesi, ma anche in quello alimentare grazie alla scoperta di 3 giovani italiani recentemente premiati dal Presidente della Repubblica Mattarella.

Bava di lumaca e cosmetici, binomio funzionante

La bava di lumaca, che fa ancora storcere il naso alle persone scettiche e maggiormente schizzinose, si è dimostrata un vero e proprio alleato di alcune case produttrici di prodotti cosmetici.
Questo in quanto tale sostanza si è dimostrata in grado di offrire diversi vantaggi importanti per la cura del proprio volto e del corpo.
Grazie all’elevato potere antibiotico, la bava di lumaca crea una sorta di scudo che protegge la pelle dall’attacco di germi e batteri vari ed inoltre, vista la presenza di diverse vitamine, quali la A, la C e la E, la pelle tende ad avere un aspetto maggiormente vivo, ovvero la tonalità della stessa viene preservata grazie a tale sostanza.
Inoltre, grazie anche alle scoperte passate, la bava di lumaca si è dimostrata come vera alleata per coloro che non vogliono trovarsi sul volto macchie, cicatrici e rughe.
Grazie alla quantità di collagene presente nella bava di lumaca, nonché di sostanze che tendono ad agevolare il processo di rigenerazione cellulare, la pelle del viso tornerà ad essere perfetta e priva di tutti quei segni del tempo quali rughe e cicatrici varie.
Ma grazie ad un gruppo di giovani studenti delle scuole superiori, la bava di lumaca è pronta ad approdare anche in un settore d’utilizzo che, fino a diversi decenni fa, avrebbe chiuso le porte a tale sostanza, ovvero il settore alimentare.

La bava di lumaca e la sua funzione conservativa

Il settore alimentare potrebbe fare un grosso passo in avanti per quanto riguarda la conservazione del cibo, soprattutto per la frutta e verdura che, molto spesso, tendono a deteriorarsi in lassi di tempo assai elevati rispetto ad altri alimenti.
La bava di lumaca, accompagnata dall’aloe vera, potrebbe rappresentare una soluzione ideale per evitare che questi cibi possano subire tale processo, garantendo inoltre una conservazione ecologica ma soprattutto a basso costo che permetterebbe alle aziende di raggiungere dei traguardi importanti sul fronte della produzione di frutta e verdura.
La bava di lumaca, precisamente quella Helix Aperta, si è dimostrata in grado di resistere perfettamente a tutti gli agenti inquinanti presenti nell’atmosfera, nonché a germi e batteri: questo grazie alla presenza delle sostanze microbiotiche che eliminano completamente i vari elementi che danneggiano il cibo.
Ad effettuare la scoperta sono stati tre studenti del Liceo Scientifico di Gallipoli, ovvero Alessandro Bruno, Roberto Leone e Gabriele Mariello, i quali hanno partecipato al concorso i Giovani e Le Scienze svoltosi a Milano alla quale ha presenziato anche il loro insegnante Antonio Errico, che ha deciso di spronare i giovani nel proseguire nella loro ricerca.

Gli involucri per il settore alimentare e la bava di lumaca

I tre giovani finalisti hanno dimostrato il fattore conservativo della bava di lumaca che, nel settore alimentare, potrebbe rappresentare una soluzione a basso costo innovativa ed utile per ridurre sprechi ed inquinamento.
I tre giovani hanno spiegato che la bava di lumaca Helix Aperta, una volta che viene raccolta, deve essere attentamente filtrata in modo tale da ottenere un prodotto finale ricco di sostanze benefiche e priva di sapore e odore che potrebbe, in caso contrario, andare ad intaccare la qualità del cibo che deve essere conservato sfruttando appunto tale sostanza.
Questa deve essere poi sottoposta ad una lavorazione che vede protagonista l’aggiunta di aloe vera, altro elemento che permette di conservare perfettamente il cibo, per poi essere sottoposta ad un ulteriore processo che permette la realizzazione di contenitori commestibili nei quali deve essere inserito il cibo, in particolar modo frutta e verdura.
L’esperimento, condotto dai tre giovani studenti e dal loro professore, non si è fermato solo alla realizzazione dei suddetti contenitori commestibili ma il cibo scelto, ovvero frutta e verdura, è stato conservato ad una temperatura di cinque gradi per diversi giorni.
Confrontato con altri alimenti sottoposti allo stesso procedimento, ma con involucri classici realizzati con altri materiali, è stato possibile notare come l’alimento sottoposto alla lavorazione e confezionamento con l’involucro a base di bava di lumaca ed Aloe vera, non abbia subito alcun tipo di danneggiamento e sia rimasto completamente integro.
Diverso invece il responso ottenuto analizzando gli altri alimenti sottoposti al procedimento di conservazione classica.
Questi, infatti, hanno subito una leggera perdita di peso, hanno assunto una tonalità leggermente gialla ed è stato possibile notare come, tali alimenti, fossero stati intaccati da una grande quantità di germi e batteri.
Il risultato ha quindi messo in mostra come la bava di lumaca insieme all’Aloe Vera sia in grado di prevenire ogni genere di contaminazione e di conservare ottimamente gli alimenti freschi.
Inoltre sapore e aroma dei cibi conservati con tale involucro non hanno subito alcuna alterazione, rimanendo quindi integri.

La bava di lumaca ed il settore alimentare, nuovo binomio in arrivo?

A circa un anno di distanza dalla scoperta, visto che i tre giovani hanno partecipato all’edizione 2017 del concorso scientifico, la bava di lumaca non è stata ancora sfruttata nel settore alimentare.
Una scelta che non trova l’approvazione dell’Istituto Internazionale di Elicicoltura che, mediante i suoi responsabili, ha fatto intendere che la scelta di realizzare degli involucri con base bava di lumaca potrebbe rappresentare un grosso passo in avanti per le varie aziende che operano nel settore alimentare.
Inoltre lo stesso Istituto ha sostenuto come questa scoperta possa essere in grado di incentivare le menti di giovani imprenditori che potrebbero fondare delle aziende specializzate nell’allevamento delle lumache Helix Aperta, che sono quelle la cui bava possiede tutti questi particolari tipi di caratteristiche.
Per ora, però, occorrerà accontentarsi delle proprietà estetiche che caratterizzano la bava di lumaca ed attendere che ulteriori ricerche confermino le scoperte effettuate dai tre giovani ricercatori liceali, che potrebbero far nascere un nuovo boom per quanto riguarda l’utilizzo della bava di lumaca nel settore alimentare.

Prodotti alla Bava di Lumaca

ACQUISTA QUI

La perfezione naturale senza tempo
Direttamente a casa tua
In un click


ACQUISTA QUI